fstrauss.jpgNato a Parkenstein, in Baviera, Franz Strauss ha iniziato la sua carriera musicale all'età di 7 anni, suonando il violino durante un ballo di nozze. Dopo gli studi musicali con gli zii Johann Georg Walter e Franz Michael Walter, in cui ha imparato a suonare il clarinetto, la chitarra e tutti gli ottoni, Franz Strauss all'età di 15 anni è entrato al servizio del duca Massimiliano di Baviera come chitarrista. Il suo studio sul corno continuò, e fu il corno che sarebbe diventato il suo strumento principale. Nel 1847 entrò a far parte dell'orchestra di corte bavarese, posizione che mantenne fino al suo ritiro nel 1889. Franz Strauss fu anche professore all'Accademia di musica di Monaco dal 1871 al 1896 e dal 1875 al 1896 fu direttore dell'orchestra amatoriale "Wilde Gung'l."

Franz Strauss sposò Elise Seiff, figlia di un direttore di banda del reggimento, nel 1851. Mentre questo fu un periodo molto produttivo per lui come compositore e interprete, fu un periodo tragico della sua vita; un figlio di 10 mesi morì di tubercolosi, poi il colera si tolse la vita alla moglie e alla giovane figlia, lasciandolo vedovo all'età di trentadue anni. Strauss non si risposò fino al 1863, momento in cui sposò Josephine Pschorr, una figlia del ricco birraio Georg Pschorr. Da questa unione sarebbero nati due figli, e il maggiore, Richard Strauss (1864-1949), era destinato a diventare un grande compositore.

I commenti fatti su Franz Strauss da personaggi musicali dell'epoca rivelano sia la stima in cui era tenuto come interprete, sia qualcosa del suo carattere di uomo. Conservatore musicale, Franz Strauss si esibì tuttavia nelle prime esecuzioni di diverse importanti opere di Richard Wagner a Monaco, tra cui Tristano e Isotta (1865) I Maestri Cantori (1868) Das Rheingold (1869), e La Valchiria (1870). Il direttore delle prime due di queste prime, Hans von Bülow (1830-1894), chiamò Franz Strauss "il Gioacchino del corno" e commentò anche: "Il tipo è intollerabile, ma quando suona il corno non puoi arrabbiati con lui». Wagner ha rispecchiato i commenti di Bülow, e si dice che "Strauss è un tipo insopportabile e burbero, ma quando suona il suo corno non si può dire nulla, perché è così bello". Franz Strauss aveva differenze artistiche con entrambe queste figure, il che rende i complimenti che gli hanno fatto come interprete ancora più significativi. Una storia ricordata da Richard Strauss racconta che "Wagner una volta passò davanti al suonatore di corno, che era seduto al suo posto in un silenzio lunatico, e disse: 'Sempre cupi, questi suonatori di corno', al che mio padre rispose: 'Abbiamo buone ragioni per essere .'" Un'altra storia racconta una situazione difficile tra Franz Strauss e Bülow. Mentre l'estenuante prova generale si svolgeva alle 4:00 del pomeriggio per la prima di Die Meistersinger, una prova che era iniziata alle 9:00 e che aveva seguito altre 26 prove per questa prima, tutte eseguite senza un assistente di corno, Franz Strauss poteva non prenderlo più. Come Ernest Newman racconta la storia,

Strauss ha detto senza mezzi termini che non poteva più giocare. "Allora prendi la tua pensione!" disse l'irritato Bülow. Strauss raccolse il corno, andò dall'intendente e chiese la sua pensione "per ordine di Herr von Bülow". Poiché era indispensabile, [l'intendente Karl von] Perfall ha dovuto usare tutta la sua diplomazia per appianare il problema.

Oltre alla sua carriera artistica molto significativa, Franz Strauss ha anche lasciato un'eredità come insegnante. Qualcosa del suo metodo di insegnamento è noto, come ricorda l'ultimo allievo di Franz Strauss, Hermann Tuckermann.

Il metodo di Franz Strauss è prima di tutto quello di enfatizzare la qualità del suono. Diceva sempre: "Solo sostenendo i toni e con gli studi a intervalli puoi ottenere un tono nobile". Pertanto ogni lezione iniziava con esercizi tonali. Con i suoi studenti ha lavorato sui concerti per corno e sulle parti importanti dell'opera e della letteratura concertistica. Non ha mai accettato un compenso per le sue lezioni. Il suo interesse principale era quello di trasmettere la sua esperienza e abilità ai cornisti.

Questa preoccupazione per il tono deve essere stata certamente un elemento significativo del suo successo al corno e si riflette certamente anche nei suoi lavori da solista.

Le principali pubblicazioni includono:

  • Fantasia, op. 2
  • Gli Addio
  • Notturno, op. 7
  • Concerto, op. 8
  • Empfindungen am Meere, op. 12
  • Tema e variazioni, op. 13

John Ericson, 2003

Per ulteriori informazioni, vedere THE HORN CALL
vol. XXIX, n. 2

Immagine da un acquerello di Jos. Resch (1845)

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, incluso lo stato di accesso. Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie.
Ok