L'International Horn Society è una comunità globale di corni. Celebriamo la diversità ed esercitiamo la tolleranza e siamo qui per offrire supporto, risorse e ispirazione. Le opinioni espresse dai singoli membri dell'IHS non riflettono necessariamente i nostri valori e gli obiettivi della società nel suo insieme.

Spostamenti di imboccatura

  • Tommaso Bacone
  • Autore
16 Mar 2009 15: 26 #262 by Tommaso Bacone
Spostamenti di imboccatura è stato creato da Tommaso Bacone
Domanda:

Ciao Mr. Bacon!

Ho avuto una lezione con te quando sei venuto alla NDSU con i St. Louis Brass, e mi è piaciuto molto. Hai avuto un sacco di spunti di riflessione e sono uscito e ho comprato il tuo caratteristico bocchino, che mi sta molto bene. Quello che ha fatto quel bocchino è stato riportare un paio di note che pensavo di aver perso per sempre (LA e SOL sotto la metà di C). Ho ancora un paio di spostamenti di imboccatura che si verificano intorno a quell'intervallo e sembra che debba suonare e praticare uno spostamento basso e poi uno spostamento alto per le note da quel Sol basso fino a Re sopra il Do centrale. Quando suono lo Shostakovich 5 estratto all'unisono basso, devo elaborare una strategia in cui utilizzerò uno spostamento alto.

Mi hai anche guidato su Brophy, che uso per la mia routine quotidiana. Ha detto nel libro che si dovrebbe mantenere la stessa imboccatura e non cambiarla. Pensavo che avrei dovuto imbarcarmi in un cambiamento di imboccatura. Cosa ne pensi?

Cordiali saluti,
Erik Vigesaa

La risposta di Thomas Bacon:

Piacere di sentirti Erik! Ed è bello sapere che il cambio del bocchino ha aiutato. Per quanto riguarda lo spostamento di cui parli tra i registri alti e bassi, non è niente di insolito. La maggior parte dei musicisti ha qualche cambiamento che accade all'imboccatura da qualche parte nell'intervallo di 4 o più ottave del corno. Ed è importante rendere questo cambiamento il più fluido e fluido possibile.

È qui che entra in gioco la pratica. Esercizi ripetitivi come nel libro di Brophy che hai citato - "Studi tecnici per il corno", publ. Carl Fischer - sono essenziali per me nel mantenere fluidi i bassi. Un altro grande è tratto da Farkas "Art of French Horn Playing" alle pagine 60-61, "The Lower Octave". Anche la "Dufrasne Routine" affronta la flessibilità dello spostamento dell'imboccatura attraverso le diverse ottave del corno. Ce ne sono anche molti altri.

Il punto fondamentale di fare questi esercizi non è perché vuoi salire sul palco ed eseguirli, ma piuttosto perché quando li pratichi regolarmente puoi salire sul palco ed eseguire cose come il 5° Shostakovich che hai citato, senza avere problemi con quel passaggio basso all'unisono .

Mi piace molto fare ginnastica musicale, perché farlo mi dà l'abilità tecnica, la forza, la destrezza e la flessibilità per suonare musicalmente. Non suona molto musicale se suoni qualcosa come quel passaggio basso all'unisono con un tono instabile o note mancate e attacchi fluttuanti a causa di spostamenti di imboccatura incerti. Proprio come negli sport, dove gli atleti hanno esercizi specifici che fanno per esibirsi bene nello sport che perseguono, abbiamo esercizi per sviluppare le nostre imboccature per eseguire l'arte musicale che perseguiamo.

Hai anche detto che Brophy ha detto "che si dovrebbe mantenere la stessa imboccatura e non cambiarla". Assicurati di leggere anche tutte le altre cose che ha detto sull'imboccatura in quel libro prima di rimanere bloccato su quella citazione. Ha detto molte più cose che ti permettono di far evolvere l'imboccatura e rilassarti nella zona di comfort per i diversi registri.

Il mio consiglio è di non pensare tanto a "cambiare" l'imboccatura ma piuttosto a "lasciare" che l'imboccatura trovi la sua strada. Soprattutto nel registro grave, è difficile forzare il viso a suonare le note basse. Ma se ti rilassi e lasci che le note escano, invece di farle uscire, l'imboccatura alla fine si evolverà in qualcosa che funzionerà per te. Naturalmente, questo è spesso molto più facile a dirsi che a farsi, e torniamo alla mia affermazione precedente: è qui che entra in gioco la pratica. Vuoi che l'imboccatura si evolva verso il "punto debole" dove si sente bene e suona bene. E questo può richiedere molti giorni di molte ripetizioni di molti esercizi.

Fatti un favore: Accedi per partecipare alla conversazione.

Tempo generazione pagina: 0.358 secondi
Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, incluso lo stato di accesso. Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie.
Ok