bujanovsky2.jpgVitaly Mikhailovich Bujanovsky era un leader nella scuola russa di fiati, corno principale della Filarmonica di Leningrado, solista e musicista da camera, compositore e arrangiatore di musica per corno, e ha insegnato a una generazione di musicisti, sia russi che di tutto il mondo. Insegnò che la tecnica non è un obiettivo in sé. Frøydis Ree Wekre, che ha studiato con lui a Leningrado, ha scritto: "Attraverso il suo stile interpretativo ci si rende conto che il corno ha tante possibilità artistiche come qualsiasi strumento solista tradizionale".

Bujanovsky è nato nel 1928 a Leningrado (oggi San Pietroburgo) in una famiglia di artisti e musicisti. Suo nonno era violinista dello zar e suo padre, Michael Nicolaevich Bujanovsky, era il corno principale dell'Orchestra dell'Opera Kirov e professore al Conservatorio di Leningrado Rimsky-Korsakov. Le prime lezioni di Bujanovsky furono con suo padre e nel 1946 si unì alla sezione di suo padre al Kirov.

Bujanovsky ha vinto il Concorso Internazionale Reicha di Praga (1953) e la medaglia d'oro al Concorso Internazionale di Vienna (1959). Quest'ultima vittoria ha portato fama mondiale e rispetto e riconoscimento per la scuola russa di fiati, che fino ad allora era stata respinta dalla critica. Nel 1951, Bujanovsky iniziò a insegnare al Conservatorio di Leningrado (ora Conservatorio Statale di San Pietroburgo Rimsky-Korsakov), dove fu nominato Artista Onorato (1963) e Artista del Popolo (1978). Insegnò anche al Liceo Musicale ed era essenzialmente responsabile di tutte le lezioni di corno a Leningrado. Le lezioni sono state impartite in un ambiente informale di master class.

Nella sua istruzione, Bujanovsky ha sottolineato la comprensione dell'intento del compositore, le caratteristiche nazionali che hanno influenzato il suo lavoro e la voce umana come modello per l'interpretazione. Aveva una vasta collezione di musica sacra russa e sentiva che questo genere era un punto di partenza per comprendere i compositori russi prima di Shostakovich.

Bujanovsky è apparso ampiamente come solista. In un'occasione memorabile nel 1970, ha suonato tutte le opere di Mozart per corno solo e orchestra - i quattro concerti, il Concerto Rondò e il frammento in mi maggiore - in un concerto. Ha anche registrato queste e circa tre dozzine di altre opere. Il suo stile per il Mozart era chiaro e lirico, un approccio in linea con la formazione del padre e forse influenzato dalla madre, cantante d'opera.

Bujanovsky ha registrato molti standard di corno, incluso il Dukas Villanelle. Quando le parti orchestrali non erano disponibili per i Dukas, Bujanovsky fece la propria orchestrazione dalla partitura per pianoforte. Le sue capacità di orchestrazione non sono sorprendenti, visto il suo talento di compositore. Ha scritto una sonata solista per Hermann Baumann, due opere per Peter Damm, musica da camera con parti di corno di spicco e altre opere. Ha anche ispirato altri compositori sovietici a scrivere per il corno. Il suo Spagna per corno solista è diventato un lavoro frequente nei simposi di corno da quando Frøydis lo ha introdotto nel 1977 all'International Horn Workshop di Hartford CT.

Bujanovsky fondò un quintetto di legni all'interno della Filarmonica di Leningrado. Molti compositori sovietici scrissero per l'ensemble, incluso Yuri Falik, il cui quintetto I pagliacci è un caposaldo del repertorio.

Bujanovsky è stato eletto membro onorario dell'IHS nel 1985. Un omaggio a lui appare nel numero di novembre 1993 di The Horn Call.

 

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, incluso lo stato di accesso. Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei cookie.
Ok